Lectio del Prof Jose Manuel Lucía Megías a Palazzo Reale di Napoli

Alla mostra "Don Chisciotte tra Napoli, Caserta e il Quirinale. I cartoni e gli arazzi" (19 maggio 2022-10 gennaio 2023)

Nell'ambito delle celebrazioni in onore dell'amico di Giovan Battista Manso, il viceré don Pedro Fernández de Castro, VII conte di Lemos, nel IV centenario della sua morte (18 ottobre 1622), la Fondazione Real Monte Manso di Scala in collaborazione con l'Instituto Cervantes ha invitato il prof. José Manuel Lucía Megías (prof. Ordinario di Filologia Romanza dell'Università Complutense de Madrid e riconosciuto mondialmente come studioso cervantista e il maggior esperto in iconografia del "Quijote"), a tenere una lezione con visita alla mostra "Don Chisciotte tra Napoli, Caserta e il Quirinale. I cartoni e gli arazzi" (19 maggio 2022-10 gennaio 2023), organizzata al Palazzo Reale di Napoli a cura di Mario Epifani e Encarnación Sánchez García e in collaborazione con il Consulado General de España en Nápoles e l'Instituto Cervantes de Nápoles.

In linea con quanto si evince dal catalogo della mostra, il prof. Lucía Megías ha messo in risalto il valore e l'originalità modernissima che, all'interno della immensa serie iconografica dedicata al Chisciotte lungo i secoli, ha questa suntuaria "Storia di don Chisciotte", voluta con tenacia da Carlo III di Borbone e realizzata interamente a Napoli tra 1760 e 1780.


Lucía Megías ha inoltre chiarito che la serie di cartoni del Palazzo Reale di Napoli è l'unica al mondo conservata integra, tra le varie che furono dipinte per servire da modelli alle serie di arazzi francesi, fiamminghe, spagnole, realizzate lungo il Settecento e l'Ottocento. Questo riconoscimento aggiunge un valore prezioso alla serie napoletana.



La Fondazione vuole così favorire e appoggiare la ricerca scientifica sul patrimonio storico e culturale di Napoli mentre celebra il VII conte di Lemos, scelto da Cervantes come dedicatario dell"Ingenioso caballero don Quijote de la Mancha" (1615) durante il suo governo come viceré di Napoli: negli stessi giorni il viceré Lemos dava impulso ai lavori di rifinitura dell'edificio di Palazzo Reale voluto dal re Filippo III e promosso dalla famiglia Lemos, lo stesso dove ora sono conservati i cartoni e dove si tiene la mostra.

La Fondazione ringrazia il direttore di Palazzo Reale di Napoli, dr. Mario Epifani, la direttrice dell'Instituto Cervantes de Nápoles, dott.ra Ana Navarro, il Console Generale della Spagna a Napoli, Excel.mo Sr. don Carlos Maldonado e la prof.ssa Encarnación Sánchez per la collaborazione e l'aiuto.