Il Manso overo de l’amicizia. Vita e Cultura di un Gentiluomo della Napoli Spagnola (1567 -1645)


Siamo lieti di annunciare in collaborazione con l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" e il Pio Monte della Misericordia la pubblicazione del volume

"Il Manso overo de l’amicizia. Vita e Cultura di un Gentiluomo della Napoli Spagnola (1567 -1645)"

a cura di Roberto Mondola, Pietro Giulio Riga, Chiara Allocca

vol. IX della collana MATERIA HISPANICA diretta da Encarnación Sánchez García

Edito da : Tullio Pironti editore

Il volume raccoglie gli atti del convegno organizzato nel 2017, in occasione delle celebrazioni del 450 anniversario della nascita del Manso, esplorando a tutto tondo la figura di Giovan Battista Manso, Marchese di Villa noto per essere stato fondatore e Principe del sodalizio più influente della Napoli vicereale e barocca, l’Accademia degli Oziosi, e per aver esercitato lungo il corso della sua vita una pervasiva azione di patronage, costruendo intorno a sé una rete di amicizie di straordinaria ampiezza e prestigio: da Torquato Tasso a Giovan Battista Marino, da Angelo Grillo a Giovan Vincenzo Imperiale, dei fratelli Argensola a Villamediana, da Jean-Jacques Bouchard a John Milton, da Tommaso Campanella a Galileo Galilei, da Caravaggio a Battistello. Unitamente all’indagine condotta sull’attività e sugli scritti del Manso, gli studi raccolti mettono in luce, da una prospettiva pluri e interdisciplinare, significative questioni e momenti dei rapporti culturali della Napoli dell’epoca con l’Italia, con la Spagna e con l’Europa: indagini che documentano, da angolature differenziate, l’indiscussa centralità conquistata dal Manso nello scenario politico, letterario e artistico del primo Seicento regnicolo.

Interventi:

Pietro Giulio Riga, Vincenzo Caputo, Roberto Gigliucci, Marco Leone, Roberto Mondola, Encarnacion Sanchez Garcia, Lorenza Gianfrancesco, Francesco Lofano, Saverio Ricci, Loredana Gazzara, Francesco Paolo Colucci, Aldo Pinto, Mario Quarantiello, Manuela Saez


Roberto Mondola, professore di Lingua spagnola presso il Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati dell’Università degli Studi di Napoli “l’Orientale”, è autore di numerosi studi sulla lingua e la letteratura spagnola dei Secoli d’Oro. Si è occupato della ricezione di Dante nel Rinascimento spagnolo, di traduzioni in lingua spagnola della Commedia dantesca e del Canzoniere petrarchesco e di opere in castigliano pubblicate nella Napoli vicereale.


Pietro Giulio Riga è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Lettere e Culture moderne della “Sapienza” di Roma. Ha scritto saggi su diversi aspetti e questioni di letteratura italiana dal Cinque al Settecento, focalizzandosi sul contesto meridionale, sui rapporti tra politica, diplomazia e comunicazione letteraria e sui generi della poesia lirica, della satira, e dell’epistolografia. Si è occupato, con edizioni e studi di Giovan Battista Marino e Pietro Metastasio.


Chiara Allocca è docente a contratto di Letteratura spagnola presso il Dipartimento di Studi Letterari Linguistici e Comparati dell’Università degli Studi di Napoli “l’Orientale”, dove ha conseguito il titolo di dottore di ricerca. Si occupa di cultura linguistico-letteraria nella Napoli spagnola con particolare attenzione al Cinquecento