blog 

Presentazione della storica Manuela Saez Gonzales



Congratulazioni ad un' amica della Fondazione anima dei Convegni sull'Accademia degli Oziosi di Napoli, la storica Manuela Sáez che ha presentato in questi giorni in Spagna il volume "Coleccionismo y Almoneda del gran Conde de Lemos don Pedro Fernández de Castro" alla presenza del Presidente della Deputacion de Lugo e Sindaco di Monforte de Lemos José Tomé Roca

Con il rigore e la meticolosità che definiscono la sua carriera, Manuela Sáez descrive tutti i beni che Don Pedro ha lasciato alla sua morte: mobili e arazzi, argenti e dipinti di maestri italiani, disegni e stoviglie, per comporre alla fine un completo ritratto della vita dell'alta nobiltà galiziana nei secoli XVI e XVII” ha sottolineato il sindaco di Monforte di Lemos.


Siamo lieti di annunciare in collaborazione con l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" e il Pio Monte della Misericordia la pubblicazione del volume

"Il Manso overo de l’amicizia. Vita e Cultura di un Gentiluomo della Napoli Spagnola (1567 -1645)"

a cura di Roberto Mondola, Pietro Giulio Riga, Chiara Allocca

vol. IX della collana MATERIA HISPANICA diretta da Encarnación Sánchez García

Edito da : Tullio Pironti editore

Il volume raccoglie gli atti del convegno organizzato nel 2017, in occasione delle celebrazioni del 450 anniversario della nascita del Manso, esplorando a tutto tondo la figura di Giovan Battista Manso, Marchese di Villa noto per essere stato fondatore e Principe del sodalizio più influente della Napoli vicereale e barocca, l’Accademia degli Oziosi, e per aver esercitato lungo il corso della sua vita una pervasiva azione di patronage, costruendo intorno a sé una rete di amicizie di straordinaria ampiezza e prestigio: da Torquato Tasso a Giovan Battista Marino, da Angelo Grillo a Giovan Vincenzo Imperiale, dei fratelli Argensola a Villamediana, da Jean-Jacques Bouchard a John Milton, da Tommaso Campanella a Galileo Galilei, da Caravaggio a Battistello. Unitamente all’indagine condotta sull’attività e sugli scritti del Manso, gli studi raccolti mettono in luce, da una prospettiva pluri e interdisciplinare, significative questioni e momenti dei rapporti culturali della Napoli dell’epoca con l’Italia, con la Spagna e con l’Europa: indagini che documentano, da angolature differenziate, l’indiscussa centralità conquistata dal Manso nello scenario politico, letterario e artistico del primo Seicento regnicolo.

Interventi:

Pietro Giulio Riga, Vincenzo Caputo, Roberto Gigliucci, Marco Leone, Roberto Mondola, Encarnacion Sanchez Garcia, Lorenza Gianfrancesco, Francesco Lofano, Saverio Ricci, Loredana Gazzara, Francesco Paolo Colucci, Aldo Pinto, Mario Quarantiello, Manuela Saez


Roberto Mondola, professore di Lingua spagnola presso il Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati dell’Università degli Studi di Napoli “l’Orientale”, è autore di numerosi studi sulla lingua e la letteratura spagnola dei Secoli d’Oro. Si è occupato della ricezione di Dante nel Rinascimento spagnolo, di traduzioni in lingua spagnola della Commedia dantesca e del Canzoniere petrarchesco e di opere in castigliano pubblicate nella Napoli vicereale.


Pietro Giulio Riga è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Lettere e Culture moderne della “Sapienza” di Roma. Ha scritto saggi su diversi aspetti e questioni di letteratura italiana dal Cinque al Settecento, focalizzandosi sul contesto meridionale, sui rapporti tra politica, diplomazia e comunicazione letteraria e sui generi della poesia lirica, della satira, e dell’epistolografia. Si è occupato, con edizioni e studi di Giovan Battista Marino e Pietro Metastasio.


Chiara Allocca è docente a contratto di Letteratura spagnola presso il Dipartimento di Studi Letterari Linguistici e Comparati dell’Università degli Studi di Napoli “l’Orientale”, dove ha conseguito il titolo di dottore di ricerca. Si occupa di cultura linguistico-letteraria nella Napoli spagnola con particolare attenzione al Cinquecento



Bando per un assegno di ricerca di durata annuale, cofinanziato dalla Fondazione Real Monte Manso di Scala e dall'Università degli Studi di Napoli l'Orientale

- codice procedura DSUS 01/2021


La Fondazione Real Monte Manso è lieta di annunciare che, a seguito della Convenzione con L’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, è aperto il bando per un assegno di Ricerca dal titolo: Trascrizione e studio (per un’edizione critica) dell’Enciclopedia di Giovan Battista Manso (ms. XIII.F.63, della Biblioteca Nazionale di Napoli).

Il progetto, cofinanziato, avrà la durata di un anno.

L’assegno afferirà al Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’UNIOR e il vincitore svolgerà la propria attività di ricerca presso il CESET (Centro per lo Studio e l’Edizione dei Testi) del medesimo Ateneo.

Sintesi del progetto di ricerca:

Nell’Enciclopedia, G. B. Manso aspirava ad una trattazione enciclopedica in dieci libri delle lettere e delle scienze, che avrebbe rappresentato il frutto delle lezioni che si tennero all’interno della sua Accademia.

Il manoscritto XIII.F.63 (di 223 cc.) conservato nella Biblioteca Nazionale di Napoli, contiene solo i primi quattro libri su Filosofia, Logica, Retorica con una sezione sulla Memoria artificiale e Poetica.

Il progetto di ricerca, di durata annuale, prevede lo studio codicologico del manoscritto, la trascrizione del testo e delle tavole, la ricerca di documenti e materiali correlati rinvenibili negli archivi e nelle biblioteche non solo di Napoli e la redazione di lavori preliminari in vista dell’edizione critica del testo accompagnata da introduzione storico-critica, commento e glossario.


Per info e modulistica:

https://www.unior.it/ateneo/view_news/15921/2502/1/bando-per-un-assegno-di-ricerca-di-durata-annuale-cofinanziato-dalla-fondazione-real-monte-manso-di-scala-codice-procedura-dsus-01-2021.html

bando
.pdf
Download PDF • 1.66MB

01 domanda di partecipazione
.pdf
Download PDF • 183KB

02 allegato 2
.pdf
Download PDF • 50KB

03 allegato 3
.pdf
Download PDF • 135KB